PROGETTO PORTA NUOVA: il ruolo dei privati e delle istituzioni

Sin dalla seconda metà del XX secolo le istituzioni pubbliche cercarono in più riprese di riconvertire lo spacco nella zona di Porta Nuova dovuto allo spostamento della Stazione Centrale.

Locandina che promuoveva il progetto "Nove Parchi per Milano".
Locandina che promuoveva il progetto “Nove Parchi per Milano”.

Tra i più recenti ricordiamo il progetto del 1994 “Nove parchi per Milano” di Pierluigi Nicolin, che tentò di riqualificare la zona proponendo la costruzione di complessi di uffici, residenze e centri commerciali intorno ad un parco pubblico, ma con scarso successo.

Nel 2001, visti gli insuccessi, intervenne il Governo chiedendo a Nicolin di presentare un masterplan per l’area, rinominata “Città della Moda”, che riprendeva le componenti della precedente pianificazione.

Anche questa volta, non ci fu storia. La scarsità di risorse economiche bloccò nuovamente il progetto.

La svolta si ebbe nel 2005 con l’elezione di Letizia Moratti come Sindaco di Milano, la quale era fortemente convinta nello sviluppo della zona di Porta Nuova, a tal punto da andare contro gli stessi cittadini: il Primo Cittadino muovendosi su due fronti ordinò da una parte lo sgombero della Stecca degli Artisti e dall’altra concesse l’ingresso nel progetto a finanziatori privati.

Il gruppo texano Hines, con Manfredi Catella come rappresentante della sezione italiana, si interessò subito al progetto rilevando parte della proprietà pubblica e facendo partire la prima fase dei lavori.

Rappresentazione digitale di ciò che saranno i "Giardini di Porta Nuova".
Rappresentazione digitale di ciò che saranno i “Giardini di Porta Nuova”.

Negli anni successivi la Hines, con la collaborazione di Ligresti (membro C.d.A. UniCredit), riuscì ad acquisire i tre quarti dell’area interessata dal progetto, completando i “Giardini di Porta Nuova”.

Il ruolo della Hines è stato indispensabile ai fini della realizzazione dell’opera, infatti senza la collaborazione di enti privati le istituzioni pubbliche non sarebbero mai riuscite a lanciare il progetto.

Ma dal punto di vista sociale l’amministrazione pubblica ha svolto un compito fondamentale, mediando tra gli abitanti delle zone interessate e la volontà di avvicinare Milano alle altre città europee.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...