LO STRANO (PER)CORSO…COMO!

Buongiorno a tutti!

Un negozio.
Un negozio.

Nonostante sia la tarda mattinata di un martedì piovoso,lo sfarzo e l’ostentazione presenti in corso Como non passano inosservati. La vita in questa zona sembra traslata di ore. Fattorini che scaricano alle 10.30, negozi che aprono alle 11. A primo impatto sembra una zona prettamente commerciale, caratterizzata dalla presenza di molti bar e ristoranti.

Uno dei diversi camioncini che scaricavano materiale .
Uno dei diversi camioncini che scaricavano materiale .

La gente è poca, probabilmente per via dell’orario lavorativo, ma si possono tranquillamente notare auto e motocicli che denotano un tenore di vita elevato della gente che frequenta il luogo.
Verso le 13.30 il corso si anima di persone che, sedute ai tavolini che riempiono la strada, si godono una meritata (a volte fugace) pausa pranzo.
In questa zona è una certezza imbattersi in qualche personaggio dello showbisness, intento ad osservare le vetrine di prestigiose boutique o a concedersi un momento di svago e relax dopo un allenamento in Virgin, frequentata da moltissimi vip. Infatti, lo stile di vita tipico di Corso Como e il processo di gentrificazione sono identificabili anche grazie alla presenza della VirginActive: palestra esclusiva frequentata da personaggi famosi, con una zona dedicata al benessere e all’estetica. Nonostante VirginActive sia una catena, quella di questa via ha costi più elevati delle altre!

L'interno di una corte in Corso Como. La foto non rende, ma dal vivo la bellezza della facciata era in netto contrasto con questo cortile decadente.
L’interno di una corte in Corso Como. La foto non rende, ma dal vivo la bellezza della facciata era in netto contrasto con questo cortile decadente.

Una cosa che ci ha colpiti, è che osservando le facciate esterne dei palazzi di Corso Como ci si aspetta un stile di vita di un certo livello, completamente opposto allo stato dell’interno degli edifici. Questo crea la sensazione che la bellezza e la sofisticatezza della zona sia solo apparente, come se contasse di più la zona in cui si vive che la qualità reale.

Annunci

GARIBALDI FU FERITO

Eccoci di nuovo qua 🙂

Corso Garibaldi, quasi deserto di mattina.
Corso Garibaldi, quasi deserto di mattina.

Finito con Brera, abbiamo continuato il nostro cammino verso Piazza Gae Aulenti, passando per Corso Garibaldi.
Conoscerete tutti la canzone che faceva “Garibaldi fu ferito, fu ferito ad una gamba” (il resto lo sapete… e non negate di averla canticchiata in testa mentre leggevate): questa frase, secondo noi, descrive bene la situazione diurna di Corso Garibaldi.

La strada, infatti, ci ha lasciati un po’ perplessi questa mattina: il Corso è quasi deserto, popolato principalmente da signori anziani con badanti e mamme che fanno compere.

La maggior parte della gente lungo il Corso sono anziani.
La maggior parte della gente lungo il Corso sono anziani.

La situazione cambia verso il tratto finale della via, appena prima di Corso Como: il numero di persone aumenta e l’età media si abbassa grazie alla presenza occasionale di giovani (ma probabilmente perché questo tratto è una zona di passaggio – c’è la fermata Moscova della M2 e si trova a ridosso di un grande incrocio).

Nell'ultimo tratto di Corso Garibaldi si trovano più ragazzi.
Nell’ultimo tratto di Corso Garibaldi si trovano più ragazzi.

Detto questo, in Corso Garibaldi si notano soprattutto osterie e negozi storici indipendenti e di nicchia, in contrapposizione ai frequenti ristoranti eleganti e ai negozi mainstream.

Dal punto di vista architettonico il paesaggio è molto variegato, con segni di periodi storici differenti e adattamento sociale. Più ci si avvicina a Corso Como, infatti, più i palazzi ottocenteschi lasciano spazio a edifici del dopoguerra e iniziano a fare capolino palazzi di vetro.

Diversi stili architettonici di Corso Garibaldi.
Diversi stili architettonici di Corso Garibaldi.

A questo punto, abbiamo deciso di posticipare l’osservazione di Corso Como e Piazza Gae Aulenti, e ci siamo spostati verso le strade secondarie che sboccano su Corso Garibaldi.
Facendo una svolta di qua e un’altra di là, ci siamo ritrovati ai Bastioni di Porta Volta.

Un negozietto e un parco in una via secondaria che incrocia Corso Garibaldi.
Un negozietto e un parco in una via secondaria che incrocia Corso Garibaldi.

Ciò che abbiamo notato è che una volta abbandonata la via principale, adornata di negozi costosi e all’ultimo grido, ci si ritrova in strade silenziose tempestate di negozietti trascurati e indipendenti che danno l’impressione di essere stati catapultati in un paesino di periferia o di provincia. Una realtà inaspettata!

E LA LUNA BUSSÒ ALLE PORTE DI BRERA

Ciao 🙂

È giunta mezzanotte, si spengono i rumori, si spegne anche l’insegna di quell’ultimo caffè… così cantava Modugno nel lontano 1955, e sicuramente non parlava della zona di Brera!

Brera by night.
Brera by night.

Come l’altro giorno, abbiamo passeggiato per il quartiere, ma questa volta intorno alle 19, notando che la situazione notturna non è poi tanto diversa da quella diurna: le strade sono mediamente frequentate da una popolazione varia – giovani e adulti percorrono le vie ciottolate ma anche quelle principali, altri si gustano un buon aperitivo nei barettini o nei ristorantini che abbondano nell’area. Piazza San Marco è una delizia alla vista: illuminata da vecchie insegne e abitata dai tavolini di un ristorante, costeggiata da una piccola stradina che nonostante le dimensioni è molto trafficata.

Camminando, salta all’occhio la presenza di venditori ambulanti – uno con insistenza ci ha quasi regalato una rosa! Durante il giorno era molto più raro incontrarli.

imagePer concludere, crediamo che il quartiere di Brera sia molto legato e influenzato dal passato. Allo stesso tempo è una zona giovane molto hipster, una boccata d’aria fresca! Il processo di gentrificazione è abbastanza visibile, sia per quanto riguarda la trasformazione architettonica (un caso clamoroso è via ___, che da un lato ha palazzi del XVI secolo, mentre dall’altro è costeggiato da abitazioni vetrate del XX secolo), ma anche dal punto di vista dei prezzi (un caffè costa 3 euro in alcuni bar!) e la differenza giorno/notte non è poi così marcata.

UNA PASSEGGIATA A BRERA

Ciao a tutti!
Oggi abbiamo fatto la nostra prima osservazione esplorando le vie della zona di Brera.

Piccolo Teatro
Il Piccolo Teatro.

Siamo partiti verso le 10 di mattina dalla fermata di Lanza e abbiamo subito iniziato a guardarci intorno: il Piccolo Teatro Strehler si ergeva imponente davanti ai nostri occhi, precedendo via Foro Bonaparte, trafficata da tram e automobili – da subito è evidente la convivenza di diversi modelli architettonici e tecnologici e la volontà milanese di modernizzarsi mantenendo le proprie tradizioni.

Scorcio di una via di Brera.
Scorcio di una via di Brera.

Abbiamo proseguito in direzione Accademia delle Belle Arti, e ciò che ci è saltato agli occhi percorrendo le vie ciottolate sono stati tutti i negozietti che le affiancavano: diversi bar frequentati da studenti ma anche da adulti e una serie di boutique che spaziavano da negozi di alimentari un po’ trasandati (che avevano l’aria di trovarsi lì da decenni), a vetrine adornate da vestiti e accessori di brand sconosciuti e indipendenti, a negozi stile mercatino dove i prodotti clue erano cianfrusaglie (braccialetti, collane, orecchini, prodotti artigianali e così via).

Il tutto era contornato da un’atmosfera molto particolare: sembrava di essere in un paesino di provincia, o addirittura in alcuni tratti a Parigi – o per lo meno la mia idea di Parigi dato che non ci sono mai stato 😛

PASSEGGIANO PER LE VIE DI PORTA NUOVA…

In questa sezione del blog pubblicheremo testimonianze sulla vita di Porta Nuova.

Io (Matteo), Valentina e Margherita, muniti di fotocamera e taccuino, ci aggireremo per i quartieri di Porta Nuova – Brera, Corso Garibaldi, Corso Como e Piazza Gae Aulenti, e annoteremo tutto ciò che più ci colpisce ed ogni segno della gentrificazione avvenuta nella zona.

Il nostro studio vuole comparare anche la vita diurna e quella notturna, per capire meglio quale sia l’anima di Porta Nuova, area che via via sta evolvendo ed elevando il suo ruolo, “cristallizzandosi” a rappresentare la modernità.

Abbiamo incentrato le osservazioni sulle vie principali, quelle più conosciute e frequentate, proprio perché è lì che secondo noi l’effetto della gentrificazione è più visibile. Anche se, qualche vietta nascosta l’abbiamo esplorata, scoprendo delle piacevoli sorprese.

Passeggiate lungo queste vie e siate testimoni della nuova Milano con noi!