LO STRANO (PER)CORSO…COMO!

Buongiorno a tutti!

Un negozio.
Un negozio.

Nonostante sia la tarda mattinata di un martedì piovoso,lo sfarzo e l’ostentazione presenti in corso Como non passano inosservati. La vita in questa zona sembra traslata di ore. Fattorini che scaricano alle 10.30, negozi che aprono alle 11. A primo impatto sembra una zona prettamente commerciale, caratterizzata dalla presenza di molti bar e ristoranti.

Uno dei diversi camioncini che scaricavano materiale .
Uno dei diversi camioncini che scaricavano materiale .

La gente è poca, probabilmente per via dell’orario lavorativo, ma si possono tranquillamente notare auto e motocicli che denotano un tenore di vita elevato della gente che frequenta il luogo.
Verso le 13.30 il corso si anima di persone che, sedute ai tavolini che riempiono la strada, si godono una meritata (a volte fugace) pausa pranzo.
In questa zona è una certezza imbattersi in qualche personaggio dello showbisness, intento ad osservare le vetrine di prestigiose boutique o a concedersi un momento di svago e relax dopo un allenamento in Virgin, frequentata da moltissimi vip. Infatti, lo stile di vita tipico di Corso Como e il processo di gentrificazione sono identificabili anche grazie alla presenza della VirginActive: palestra esclusiva frequentata da personaggi famosi, con una zona dedicata al benessere e all’estetica. Nonostante VirginActive sia una catena, quella di questa via ha costi più elevati delle altre!

L'interno di una corte in Corso Como. La foto non rende, ma dal vivo la bellezza della facciata era in netto contrasto con questo cortile decadente.
L’interno di una corte in Corso Como. La foto non rende, ma dal vivo la bellezza della facciata era in netto contrasto con questo cortile decadente.

Una cosa che ci ha colpiti, è che osservando le facciate esterne dei palazzi di Corso Como ci si aspetta un stile di vita di un certo livello, completamente opposto allo stato dell’interno degli edifici. Questo crea la sensazione che la bellezza e la sofisticatezza della zona sia solo apparente, come se contasse di più la zona in cui si vive che la qualità reale.

Annunci

E LA LUNA BUSSÒ ALLE PORTE DI BRERA

Ciao 🙂

È giunta mezzanotte, si spengono i rumori, si spegne anche l’insegna di quell’ultimo caffè… così cantava Modugno nel lontano 1955, e sicuramente non parlava della zona di Brera!

Brera by night.
Brera by night.

Come l’altro giorno, abbiamo passeggiato per il quartiere, ma questa volta intorno alle 19, notando che la situazione notturna non è poi tanto diversa da quella diurna: le strade sono mediamente frequentate da una popolazione varia – giovani e adulti percorrono le vie ciottolate ma anche quelle principali, altri si gustano un buon aperitivo nei barettini o nei ristorantini che abbondano nell’area. Piazza San Marco è una delizia alla vista: illuminata da vecchie insegne e abitata dai tavolini di un ristorante, costeggiata da una piccola stradina che nonostante le dimensioni è molto trafficata.

Camminando, salta all’occhio la presenza di venditori ambulanti – uno con insistenza ci ha quasi regalato una rosa! Durante il giorno era molto più raro incontrarli.

imagePer concludere, crediamo che il quartiere di Brera sia molto legato e influenzato dal passato. Allo stesso tempo è una zona giovane molto hipster, una boccata d’aria fresca! Il processo di gentrificazione è abbastanza visibile, sia per quanto riguarda la trasformazione architettonica (un caso clamoroso è via ___, che da un lato ha palazzi del XVI secolo, mentre dall’altro è costeggiato da abitazioni vetrate del XX secolo), ma anche dal punto di vista dei prezzi (un caffè costa 3 euro in alcuni bar!) e la differenza giorno/notte non è poi così marcata.

MILANO E L’ACQUA: il territorio e le sue trasformazioni fino dopo XVI secolo

Porta Nuova, insieme a Porta Comasina, Porta Orientale, Porta Romana, Porta Ticinese e Porta Vercellina, era una delle sei porte principali di Milano.

Ubicata all’interno dei Bastioni, era posta a nord della città e si apriva lungo la strada per la Brianza.

La Porta originale risale al XVI secolo e fu costruita sotto la dominazione Spagnola; fu poi demolita in epoca napoleonica per conferirle una funzione daziaria e ornamentale.

Porta Nuova, Milano.
Piazzale Principessa Clotilde, Porta Nuova, Milano.

La porta presente oggi in piazzale Principessa Clotilde, nella stessa collocazione della precedente porta spagnola, venne costruita tra il 1810 e il 1813 su progetto dell’architetto Giuseppe Zanoia.

Porta Nuova, data la presenza del Tombone di San Marco, era fondamentale per il commercio fluviale della città: l’intero quartiere viveva grazie alle attività mercantili. A ridosso del porto erano presenti numerosi edifici di scambio e stoccaggio delle merci. Poco al di fuori, tra le vie del quartiere si sparpagliavano innumerevoli botteghe artigiane, fiorenti grazie alla vicinanza al Bacino. Per agevolare lo sviluppo commerciale del quartiere si avviò un processo di riqualificazione strutturale: i cortili e i pian terreni furono adibiti a negozi e botteghe, dando una nuova configurazione agli edifici esistenti.

Il Tombone di San Marco prima che venisse coperto, e oggi.
Il Tombone di San Marco prima che venisse coperto, e oggi.

Nel corso del Seicento Milano divenne la città con il porto fluviale più grande d’Europa; l’utilizzo dei canali si protrasse fino ai primi decenni del Novecento, quando il 3 marzo 1928 il Ministero dei Lavori Pubblici concesse il permesso di copertura della “fossa interna”, ossia del tratto di naviglio da Piazza San Marco fino a Porta Genova. La decisione fu necessaria non solo per motivi di viabilità, dato l’avvento delle automobili, ma anche per necessità igieniche, dato che gli edifici adiacenti ai canali scaricavano abusivamente nei corsi d’acqua anziché nella reta fognaria.

In particolare il naviglio e il Tombone di San Marco rimasero aperti sino al 1930 circa, per poi diventare le odierne Via e Piazza San Marco.

Con la chiusura dei Navigli il quartiere di Porta Nuova cambiò volto e da zona industriale si trasformò in luogo di cultura.

In particolare Brera, già nato con una specializzazione culturale, data la fondazione dell’Accademia nel 1776 ad opera di Maria Teresa d’Austria, divenne col tempo un quartiere bohémien per eccellenza, sede della più vivida espressività artistica della città.

Col tempo però l’arte dovette cedere il posto alla progressiva costruzione della città pubblica borghese, in particolare, lungo l’asse Solferino – Statuto: l’Università Bocconi fu demolita per ampliare gli uffici comunali, il Corriere della Sera costruì una nuova sede e furono create residenze per ceti medio–alti.

Questa fu la scintilla da cui partì il processo di gentrificazione che si estese in tutto il quartiere fino ai giorni d’oggi, interessando di volta in volta una zona nuova: ultima l’area di Garibaldi.

Inizialmente nata come secondo principale snodo ferroviario della città, nel tempo ha interpretato diversi ruoli: da polo industriale, a polo artistico e infine a polo dirigenziale, grazie al progetto Porta Nuova.

Porta Garibaldi oggi e sullo sfondo i palazzi di Piazza Gae Aulenti: l'attuale zona di Porta Nuova.
Porta Garibaldi oggi e sullo sfondo i palazzi di Piazza Gae Aulenti: l’attuale zona di Porta Nuova.